21km - la distanza

domenica 3 dicembre 2017 - ore 8:46 PM

Till the end of cross

A 49 anni e 2 mesi esordisco nella categoria M50, come da tradizione del Trofeo Monga, che si svolge a cavallo di due annate ma fa riferimento all'anno in cui avviene l'ultima prova, ovvero il 2018.
Ci arrivo bene, il miglior momento di forma dell'anno, pure con una decente convinzione nei miei mezzi che però, per onorare la nuova età, si accompagna a una pianificazione che vorrebbe essere saggia: non farsi male alla prima. E le preoccupazioni pre-senili non son proprio infondate, visto che la poca pioggia ha lasciato un terreno duro, con in più 200m circa su fondo stradale sterrato ma più duro del cemento, un fosso troppo ampio per essere saltato e che richiede di buttarcisi dentro e risalire, la collina 937, quest'anno affrontata con una docile salita in erba ma una discesa piena di sassi e terminante con altra superficie spaccatendini.
La gara si svolge quindi con buona spinta e la giusta cautela nei tratti sopraelencati. Come previsto le gambe si muovono solide, muscoli finalmente pronti allo sconnesso. Da metà circa in poi ingaggio uno scontro spesso fianco a fianco con un atleta di Zelo che non faccio mai passare e che riesco a staccare negli ultimi 500m, finale in cui in verità opero diversi sorpassi. La cauta discesa dalla Collina non mi consente di evitare di venir scavalcato da un giovinotto, imberbe Assoluto, in coda al quale entro dalla porticina wonderland che immette sui 100m finali di prato. Va via credendosi ma gli mangio metà del divario e basta così.
Tempo finale di 25.59.60 che il chip arrotonda in 26.00, quella roba che una volta volta che andavo forte facevo sempre 58-59 adesso faccio sempre 00-01. Bah.
Sono 8° di categoria su 35, non male salire sul Treno dei Saggi.

Etichette: ,

sabato 2 dicembre 2017 - ore 6:28 PM

Piscina

Questa mattina sono io ad accompagnare il Nenne a nuoto e, dopo anni, a ributtarmi in una vasca coperta.
Nuoto una mezz'oretta, cercando di alternare gli stili per me faticosi, dorso ma soprattutto stile, con una vasca di recupero a rana.
Sempre bello sguazzare, battiti che in corsa non raggiungo nemmeno in un 400 secco...

Etichette:

giovedì 30 novembre 2017 - ore 11:31 PM

Le variazioni Pino

Bell'allenamento eh dice Pino alla fine, un po' corto ma divertente.
Non ho il coraggio di dirgli che per me di solito corto sarebbero solo quei 300 corsi all'inizio, ma questa è la differenza tra me e chi si allena seriamente.
Dieci minuti di riscaldamento e poi i 300, devono essere facili, mi taro sul 68 ma altroché; il Prez mi segue.
69, 67, 65, 65, 64, 64, 65, 63, 63, 61 recupero 100m camminando (1.05 circa)
Poi abbiamo diritto a 200m camminando, per recuperare 200m.
Ci mettiamo 2.40, ripartiamo per un fartlek 100+100, la bellezza di 3km.
Il primo giro lo corrono a ritmi assurdi, mauro scappa via e io avverto Maurizio di calare e lo capisce anche lui, meglio tenere qualcosa per il 2000 finale.
I 3km alternati vanno in 4.18, 4.25, 4.19.
Dopo l'ultimo sprint nessuno spazio per rifiatare, se non un 400 di corsetta, in 2.16, poi 2000 avanti tutta.
Parto deciso ma prudente, primo km bene secondo benissimo
3.51 3.43, totale 7.34.

Etichette: , , , ,

martedì 28 novembre 2017 - ore 11:16 PM

La perfetta

Il furto, la concessione, lo strappo, chiamiamolo come si vuole, quella mezz'ora abbondante tra il lavoro e la cura dei figli, la cena da preparare. Mai fino a oggi disegnata meglio.
Mi cambio al volo a casa e gli 800m che mi separano dal Giuriati sono il riscaldamento, visto che passa il treno di Mauro e compagni, già al 4° 800 finito. Corro il recupero di 200 e si parte. Cerco di stare dietro Mauro ma il gruppone è saldatissimo e non ammette infiltrati; mi faccio rispettosamente sfilare e chiudo senza forzare. Succede che il mio recupero, sui 5/km, sia troppo per loro, così a partire dal 2° 800 tiro io con qualche secondo di vantaggio. Insomma me li faccio da solo, in verità con il fuoco dentro, le ultime settimane mi stanno rimettendo in forma.
Il quarto è l'ultimo in cui compare Mauro, che mi affianca e conclude il suo ottavo.
Ultimi due da solo, facile, non c'è proprio tempo per farne di più. Ritiro la tessera e dopo 7' sono al portone di casa, ecco cosa si può fare in 37'.

1.07 3.06
1.01 3.08
1.04 3.06
1.01 3.05
1.04 3.05
1.02 3.05

Etichette: , ,

giovedì 23 novembre 2017 - ore 11:33 PM

Centro benessere

Notte agitata, febbricitante. A seguire giornata con dolori alle ossa, occhi lacrimevoli, lenta processione a pedali.
Dopo pranzo sto un po' meglio, la sera riprocesso il percorso pedalando senza fretta. Decido di passare al campo a fare un saluto ma poi sarebbe anche peggio, a star fermi. Così mi cambio e ci provo. Gambe molli che però un po' alla volta si scaldano. Per fortuna Paolo sta girando tranquillo e mi unisco a lui a chiacchierare. Tempo pochi minuti e il bicipite femorale dostro comincia a mordere, un muscolo che in 3 giorni di pausa era stato zitto zitto e ore reclama il suo ruolo. Proseguo cauto e corro così 32', da 5 e qualche fino agli ultimi due km sui 4.30.
Sto benone, l'unica doccia che non piscia a spruzzo è miracolosamente calda.

Etichette: , ,

mercoledì 22 novembre 2017 - ore 8:14 PM

Ritorno alla distanza

La sveglia sarebbe alle 4:30, ma mezz'ora prima l'Infanta mugola e tanto vale alzarsi per stare.
Colazione con 3 fette 3 di torta all'anice e cacao, sfornata poche ore prima per allappare sensi altrimenti spenti, nel cuore della notte.
Nella penombra del cortile un piccione morto.
Lo scavalco ed esco, dove ad aspettarmi l'auto che mi porterà al pullman. Un'oretta e mezza dopo siamo al Bentegodi. Ci si cambia a bordo e le navette ci portano in centro. Il tempo di correre a pisciare su un albero fuori le mura (veramente non c'era altro) e poi veloci in griglia, dove siamo veramente tanti e c'è molta confusione. Il mio 1.31 dichiarato mi porrebbe nella griglia dei maratoneti da 3.40. Guadagno spudorato fila su fila fino ad arrivare dove oltre davvero non si può: poco dietro i palloncini dell'ora e trenta.
Primi 100m lentissimi, poi ci metto l'esperienza del quotidiano slalom ciclistico. Qua e là qualcuno cade ma non so come al primo km sono solo 4.21. Nulla è perso.
Dopo si comincia a correre bene, primi 3000 in 12.45. Raggiungo Domenico, non me ne accorgo ma è lui da dietro a farsi voce. Andiamo insieme. Bene. I palloncini 1.30 e 3.00 sono una sola cosa e stanno 20m avanti a noi. Tenerli a vista è sufficiente, ma Domenico comincia a mugugnare che stanno andando troppo veloci, poco sopra 4.10. Li seguo senza strafare, lui perde qualche metro e gradatamente si stacca, al momento spero non troppo. Io non ho fondo, per cui non ha senso rallentare, fino a che non faccio fatica sono secondi messi via. Secondo 3000 in 12.34.
Siamo da tempo lungo l'Adige, in senso contrario allo scorrere dele acque. Sponde alte e scoscese, nessuna protezione se non paletti di pietra ogni 10m. Roba da cascarci di corsa, figurarsi su ruote.
Terzo 3000 in 12.40, palloncini quasi raggiunti. Passo ai 10k in 42.16, 14" di vantaggio sulla tabella. A spugnaggi e ristori guadagno ogni volta metri sugli altri, quasi tutti intenti a prendere qualcosa, ma io la mezza da sempre la corro così, dritto per la strada senza distrazioni. Lasciamo il fiume e dopo qualche curva comincia un tratto che i pacer dicono essere in leggera costante salita; non la si percepisce.
Quarto 3000 che diventa un 4000, perché mi perdo il segnale stradale del km 12: 17.02, sempre dietro ai palloncini, condotti da Giuliano Battocletti. Vorrei farci due chiacchiere e felicitarmi per il presente, la corsa libera della figlia, ma non trovo mai il momento giusto e preferisco rimanere concentrato. Al km 14 un pensiero per l'ora in pista: passo in 59.10 dopo un 1000 da 4.06, con tratti in discesa. In certi giorni questo mi spaventerebbe, ma la strada aiuta, stiamo tornando in città e io sto andando là, tocca farlo.
Altri 2km in 8.31 e siamo al 16, l'Ora dei Diavoli. Mancano solo 5 ma una vocina mi dice di accontentarmi, quasi mi chiede di fermarmi. La corsa è meno sciolta ma riesco a far comandare le gambe, che in realtà vanno ancora, con il fiato veramente in controllo e la parte buona della testa che continua a ripetere che siamo in discesa.
Arrivo al 18 dopo 8.19, sto continuando a guadagnare. Adesso si va. Mollo i palloncini, che in realtà si son molto sfaldati e mi detto dietro un ragazzo alto dalla corsa leggera. Siamo sotto i 4.10 ma lo tengo facile. Rallenta e vado via, dicendogli di seguirmi, ma dopo poco svanisce. Davanti una trentina di metri una maglia gialloblu, ci vedo malissimo e non capisco chi sia, fino a che chiaramente si delinea Maurizio. Nessuna voglia di andare a prenderlo, ma la distanza si chiude un po' alla volta, naturalmente. Al km 20 lo affianco, soliti complimenti scambiati vado io vai tu che ne hai ma finisce che andiamo insieme. Adesso sono morto ma avanzo, i piedi che pestano duro, non ammortizzo più niente ma c'è un bel sole e non fa più troppo freddo. Il ponte sull'Adige sembra una montagna lastricata. La superiamo. Ultima salita prima dell'arrivo, imbocchiamo la discesa per mano fino a rischiare di capottarci sull'ultima curva secca e poi ecco i 100m finali davanti all'Arena.
Come ipotizzato nei frenetici calcoli dei minuti finali, riesco a stare sotto a 1.29, segnando 1.28.47 di realtime, ultimi 3097m in 12.46, 4.07/km di media. Roba da gente allenata, così come il negative split. Domenico poco oltre 1.31, ha tenuto in una giornata grigia.
Interminabile pomeriggio, tra pranzo in centro dopo il glorioso arrivo del maratoneta Girolamo, passeggio fino al Bentegodi e viaggio di ritorno tra uomini mediamente felici e distrutti.
Con 8 uscite a Settembre, 15 a Ottobre e 6 nella prima metà di Novembre, riesco a rimettere in carreggiata il mio contenitore e guardare negli occhi la distanza.

Etichette:

giovedì 16 novembre 2017 - ore 10:19 PM

Pregara

Il più è fatto, manca un'unica uscita; c'è il 3000 del Corrigiuriati e a questo punto non mi serve a nulla, se corso forte.
Decido di andare a referto come passaggio per una distanza di prova del passo Verona, tra 4.15 e 4.20.
Dopo una decina di minuti di riscaldamento, si parte.
Chiuderei la gara in 12.55, grazie a un terzo km un po' accellerato per finire sotto a 13; continuo tranquillo, ma neppure poi tanto, visto che le Supernova non son proprio fatte per rilanciare in pista, con il primo freddo che fatica a far sciogliere le gambe.
Comunque sia gli ultimi km vanno più lisci, accompagnato a tratti dal Vignaiuolo (vincitore di tappa in 10.00) e gli ultimi 200m, aggiunti per chiudere il giro, corsi a 48" (sempra una sciocchezza), lasciano la certezza che cambiar passo è lì dietro l'angolo.
Partirò quindi per stare a cavallo dei 90 minuti.

4.21, 4.21, 4.12, 4.21, 4.22, 4.17, 4.15, 4.14, 48

Etichette: ,

martedì 14 novembre 2017 - ore 9:40 PM

Varie fragranze

Oggi ho sentito il profumo dolciastro di un tabacco aromatizzato; ho camminato circa 50m e ne ho trovato il produttore, fermo a pippare. Capacità olfattive che ormai rasentano il paranormale.
Vediamone i polmoni.
Primo riscaldamento da casa al Campo; c'è nessuno a parte Valter e ci facciamo qualche giro insieme fino ad arrivare a 28'. A quel punto c'è solo Mauro, che però mi offre 2 opzioni entrambe potenzialmente dannose per il mio stato psicofisico, 15x400 oppure un 10.000 in progressione, parto a 4/km. Ciao.
Rimango quindi sui miei 800 recupero 400, per non fare troppo volume e nemmeno troppo veloce, con il tendine dell'anca che ancora un po' frigge, dopo le colline di domenica.
Escono così, faticosi, molto faticosi se penso che è il passo del 5000 in carrozza di settimana scorsa.
3.03 - 2.01
3.07 - 2.03
3.06 - 2.04
3.07 - 2.02
3.05
E buco pure il sesto, ma l'aria finalmente fredda è per ora inusuali ai miei polmoni (eccoli).
Dopo un paio di minuti mi accodo a Emilio che sta correndo dei 2000 sui 4.50 e faccio 4 giri con lui, concludendo 62' totali sulle gambe.

Etichette: ,

giovedì 9 novembre 2017 - ore 10:29 PM

Fare terzo

Il 5000 serale del Corrigiuriati, una buona occasione per rilanciare i 3000 dei Sociali; in fondo basta aggiungere qualche giro ed è fatta.
Mi scaldo una decina di minuti, testa stanca ma gambe volenterose.
Mi accodo ai primi due, che sono ben più forti; tutti gli altri scompaiono dietro, ma sono pochi e non certo a tutta, per vari motivi.
Comunque sia mi concentro sul mio, riesco a correre allo stesso passo di Tommi e Maurizio che stan facendo i 2000 e questo basta, anche perché il crono non lo guardo.
Sono in buon controllo, stanchino solo a un giro dalla fine, riuscendo comunque a spingere in 1.23 i 400 finali.
Guardare il tempo è il momento meno sereno, perché leggo circa 30" più di quanto mi sarei immaginato.
Sono 19.32, divisi così
7.51 (2000), 3.56, 3.57, 3.48
Non dico che ne farei un altro, ma qualche 1000 magari sì; faccio qualche giro con Emilio fino a che si stufa e chiudo.

Etichette: , , ,

martedì 7 novembre 2017 - ore 9:03 PM

Orgullo

La zanzara.
Ha piovuto due giorni e lei ce l'ha fatta. E sbuca verso le 4 del mattino. Alle 6 suona la sveglia e chiamano dall'altra stanza, che fa freddo e non si riesce a dormire. Alla fine alle 6.50 glorioso esco.
Giro 6 volte intorno al Poli, da 5.30 a 4.50 alla volta. Rientro che son passati i desiderati 40'.
Questo circumnavigare pesa, saranno le Rider che proprio no (devo smettere di usarle per senso di colpa verso i soldi versati) ma l'asfalto di primo mattino non è cosa per i miei tendini; non appena passo al tratto sterrato, comunque duro, raddoppio velocità ed energie. Basterebbe ci fossero 800m sterrati da qualche parte vicina, in questo maledetto plateau di avanzi di idrocarburi.
Dopo colazione via in bc, suona la canzone delle 8.57 sul telefono, l'orgoglio di una nazione sul falsopiano di Piazza Duomo, tiro come un ladro ed è bellissimo timbrare alle 8.59.

Etichette: ,